Oenobrands propone due nuovi enzimi che permettono di ottimizzare le fasi di vinificazione dei mosti ad alta o a bassa temperatura.

Uno sviluppo condotto in collaborazione con DSM, leader mondiale sul mercato degli enzimi per l'industria alimentare e primo attore sul mercato degli enzimi per l'enologia, permette oggi ad Oenobrands di proporre due nuovi enzimi dedicati a specifiche applicazioni enologiche:Rapidase Thermoflashe Rapidase Clear Extrême; dopo una validazione su due campagne di test svolte nei due emisferi.

Il primo, Rapidase® Thermoflash, permette di accelerare e di ottimizzare le fasi di chiarifica dell’uva rossa dopo riscaldamento, indipendentemente dall'itinerario tecnologico.

Il secondo, Rapidase® Clear Extrême, offre una risposta efficace alle difficili chiarifiche dovute a una bassissima temperatura (fino a 6°C), a una particolare tipologia di vitigno oppure a un’insufficiente maturità.

Rapidase Thermoflash:enzima termostabile attiva in presenza di elevate concentrazioni di polifenoli

Il riscaldamento della vendemmia comporta una forte solubilità dei polisaccaridi pectici; solubilità più problematica poiché le pectinasi endogene dell'uva sono state disattivate dal riscaldamento.L'utilizzo d'enzima è dunque indispensabile, soprattutto se si tratta di metodi in continuo dove i vincoli di tempo sono particolarmente importanti.Rapidase Thermoflash enzima enologico termostabile aggiunto all'inizio della fase di macerazione, appena dopo il riscaldamento, fornisce una risposta efficace.

L'enologo che ha realizzato le prove nel 2012, in una cantina cooperativa del Languedoc (Francia) che utilizza una flash detente parziale, è stato particolarmente soddisfatto delle prestazioni di questo enzima:“La depectinizzazione dei mosti a 50°C, più rapida e più completa, mi ha permesso di migliorare le fasi di vinificazione post-termo.Confrontato con l'enzima che utilizzavamo, Rapidase Thermoflash ha dato una migliore resa come pure una vinaccia più asciutta all’uscita della pressa continua.In seguito, la filtrabilità dei mosti era migliore con una considerevole diminuzione del consumo di diatomee.

Rapidase Clear extrême:enzima criofilo attivo su un ampio spettro di pectine

Le chiarifiche di alcuni mosti bianchi possono essere problematiche visti i parametri chimico-fisici dell’uva, poiché le temperature sono comprese tra 6 e 10°C o perché i vitigni con scarsa maturità sono naturalmente molto ricchi in pectine complesse.Questi casi comportano una limitata efficacia delle pectinasi commerciali abituali inoltre l’esito della chiarifica era insufficiente, considerato che erano molto lente e a volte impossibili.

Rapidase Clear Extrême con le sue pectinasi criofile, attive su un ampio spettro di pectine, è stato aggiunto su mosto di sgrondo o appena dopo la pressatura per ottenere una semplice ed efficace soluzione a tutti questi casi.

L'operatore, che l’ha provato nel 2013 in una cantina della regione di Mendoza (Argentina), ha potuto costatare che “Rapidase Clear Extrême, in confronto ad un certo numero di altri enzimi non specifici per le basse temperature, ha permesso la depectinizzazione – in 2 ore ad 6°C – e ha dato un illimpidimento statico più rapido e più efficace.Nel caso del Torrontes, vitigno noto per le sue difficoltà di chiarifica, Rapidase Clear Extrême ha permesso un miglioramento dell’illimpidimento.Abbiamo ottenuto mosti più chiari e fecce sedimentate più compatte.”

Su richiesta, Oenobrands fornirà i risultati delle prove complementari e propone una valutazione delle prestazioni di questi prodotti in funzione delle specifiche condizioni di ogni cantina.

Queste due nuove formulazioni enzimatiche si iscrivono nei 4 valori riconosciuti dagli utilizzatori del marchio Rapidase - rapidità, semplicità (efficacia mirata), affidabilità, prova e convalida. L’enzima Rapidase Thermoflash nella versione liquido sarà disponibile per la vendemmia 2013 in fusti da 20 kg.Quanto a Rapidase Clear Extrême, sarà commercializzato in fusti da 5 kg per la versione liquida e in vasetti da 100 grammi per la versione granulare.Il dosaggio da utilizzare, da 1 a 4 ml/100 kg, è da valutare sulla base di alcuni parametri tecnologici:vitigno, ricchezza in pectine, maturità, triturazione, ma soprattutto durata e temperatura (minima e/o massima) durante la chiarifica o la macerazione.

La nuova gamma Rapidase sarà presto integralmente consultabile su www.oenobrands.com.Per ulteriori informazioni, si prega di contattare Oenobrands a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. .

Questa è un'altra SOLUZIONE AVANZATA per la VINIFICAZIONE offertavi da OENOBRANDS.

Oenobrands propone due nuovi enzimi che permettono di ottimizzare le fasi di vinificazione dei mosti ad alta o a bassa temperatura. (IT)