Comunicati Stampa

Le miscele per rossi Anchor Alchemy III e IV sono state sviluppate per rispondere alle esigenze dei produttori, che richiedevano miscele di lieviti per la vinificazione in rosso, analogamente agli Alchemy I e II per la vinificazione in bianco. Le due nuove miscele sono state scientificamente formulate da Anchor Yeast, in collaborazione con l’Australian Wine Research Institute (AWRI).

Anchor Alchemy III Complex Red - produce vini rossi complessi con buon corpo e struttura, ricchi in esteri che contribuiscono significativamente all’aroma fruttato del vino

Anchor Alchemy IV Intense Red - produce vini rossi morbidi e rotondi con una importante espressione aromatica, particolarmente adatti all’affinamento

Comune a entrambe le miscele è il significativo contributo all’intensità aromatica fruttata, dovuto ad un’elevata quantità di esteri totali e di etilesanoato. L’aromaticità è ulteriormente rafforzata dalla presenza di -damascenone e da un ridotto livello di metossipirazine, che tendono a mascherare le note fruttate. Le due nuove miscele offrono agli enologi l’opportunità di realizzare vini rossi con maggiore complessità e aromi più intensi. Anchor Alchemy III Complex Red e Anchor Alchemy IV Intense Red sono disponibili presso i distributori Oenobrands.

Una gamma completa

Da oltre quarant’anni, i lieviti secchi istantanei Oenobrands sono utilizzati dagli enologi di tutto il mondo per produrre i più vari stili di vino. I ceppi, proposti per soddisfare le richieste degli enologi e dei consumatori, sono stati finora commercializzati con nomi basati sul loro uso specifico: Fermivin® (per fermentazioni rapide e complete), Fermichamp® (per riavviare fermentazioni in arresto), Fermirouge® (per vini rossi), Fermiblanc Arom® (per vini bianchi), Fermicru® (per migliorare il potenziale aromatico) e Collection Cépage® (per i varietali). Poiché il numero di prodotti è cresciuto nel tempo, per applicazioni sempre più mirate, Oenobrands ha deciso di riunirli in una gamma unica e completa. I lieviti secchi enologici Oenobrands fanno ora parte del marchio FERMIVIN.

Prodotti specifici

Il lancio della gamma Fermivin non rappresenta semplicemente un rinnovamento del marchio. Per sviluppare la gamma, Oenobrands ha realizzato una revisione completa della propria offerta di ceppi di lievito per un’ampia gamma di applicazioni: completare rapidamente la fermentazione, esaltare la qualità dei vini rossi, bianchi, rosati o spumanti, ottenere differenti tipologie di aromi (tiolici, terpenici, fruttati, floreali, minerali), produrre vini da commercializzazione rapida o da affinameno, far ripartire fermentazioni in arresto, ecc. Oenobrands ha nuovamente valutato e testato ogni ceppo per inquadrare al meglio il suo potenziale. Prove applicative hanno anche portato a nuovi posizionamenti per vini rosati e spumanti. Aurélien Bastiani, brand manager della gamma Fermivin, afferma: "Abbiamo raccolto testimonianze sui diversi ceppi direttamente da enologi di numerose regioni vinicole nel mondo, per assicurarci che i nostri prodotti possano fornire soluzioni su misura per le loro esigenze". Oenobrands continuerà ad espandere la gamma col supporto della ricerca di istituti internazionali quali l’Istituto Nazionale Francese per la Ricerca Agronomica (INRA), l’Istituto Francese della Vite e del Vino (IFV), l’Università del Cile, e molti altri. Una volta identificato un ceppo promettente, questo è moltiplicato, essiccato e controllato per assicurarne l’autenticità, le elevate prestazioni e la qualità.

Incrementata la facilità d’uso

Per rendere la nuova gamma Fermivin di più semplice impiego per gli enologi, Oenobrands ha denominato ogni specifico prodotto col suo numero di selezione e con lettere riferite alla sua applicazione; ciò al fine di facilitare la selezione del prodotto da impiegare. La nuova gamma avrà anche una confezione completamente rinnovata, che rappresenta la storia che vanta il marchio, così come il suo principio guida di guardare avanti, concetti entrambi riassunti anche nel logo "PROUD HISTORY- BRIGHT FUTURE" (una storia orgogliosa – un futuro radioso). Come spiega Aurélien Bastiani, "I lieviti Fermivin hanno quarant’anni di esperienza alle loro spalle e la nostra continua ricerca promette un futuro radioso. Ciò è illustrato da una spirale, che simboleggia l’idea di un processo infinito e continuo che porta i prodotti dal passato nella luce del futuro”.

I diciotto ceppi di lievito della gamma Fermivin saranno disponibili presso i distributori Oenobrands, CORIMPEX, a partire dalla vendemmia 2016.

Due anni di prove intensive hanno rivelato che queste nuove mannoproteine migliorano sensibilmente e sostengono la freschezza dei vini bianchi e rosati, preservandoli dall’ossidazione. Analisi sulle componenti aromatiche sono state svolte periodicamente durante la conservazione dei vini, e la stabilità di aroma e freschezza è risultata veramente notevole.

Una preoccupazione per molti enologi è la continua perdita di aromi varietali e di esteri fermentativi che avviene nell’invecchiamento dei vini bianchi e rosati. Ciò è dovuto alla graduale ossidazione dei composti aromatici nel tempo, ed è a volte anche accompagnato da un cambiamento del colore.

Per affrontare questo problema, Oenobrands ha sviluppato Final touch TONIC, un prodotto innovativo a base di mannoproteine in forma liquida specificamente formulato per preservare la freschezza aromatica dei vini bianchi e rosati e ritardare l’inizio dell’ossidazione. L’efficacia di Final touch TONIC è dovuta ad una frazione di mannoproteine estratta da un particolare ceppo di Saccharomyces cerevisiae, che è stato selezionato per le spiccate proprietà di colloidi protettori delle sue mannoproteine.

I benefici nell’uso di Final touch TONIC sono stati confermati durante due anni di prove intensive in Francia e Germania. Questi studi hanno rivelato che il prodotto permetteva di ottenere vini bianchi e rosati con maggior freschezza e meno aromi ossidativi, così come migliorava l’intensità aromatica e le qualità organolettiche. Degustati più volte nel tempo, questi effetti si sono rivelati duraturi.

Final touch TONIC è aggiunto immediatamente prima dell’imbottigliamento ad una dose di 20–40 ml/hl (il dosaggio varia in funzione dei risultati desiderati e dei parametri tecnologici). Il prodotto è venduto in confezioni da 1 o 5 L ed è disponibile da febbraio 2016. Prodotto è distribuito in esclusiva in Italia da Corimpex Service Srl.

I profili sensoriali che seguono illustrano i benefici ottenuti aggiungendo Final touch TONIC a vini rosati. Sono stati scelti due stili di vini rosati, contraddistinti rispettivamente dal metodo di produzione cosiddetto ‘amilico’ o ‘tiolico’. La metà dei vini di ogni tipo è stata trattata con 30 ml/hl di Final touch TONIC e dopo 10 mesi si è effettuata una degustazione per confrontare il gruppo dei vini testimone con quelli trattati con Final touch TONIC.

 

Figura 1: profilo sensoriale di un vino rosato di 10 mesi realizzato usando uno stile ‘amilico'. Il vino trattato con Final touch TONIC è risultato più fruttato, fresco ed aromatico e meno amaro.

Figura 2: profilo sensoriale di un vino rosato di 10 mesi realizzato usando uno stile ‘tiolico’. Il vino trattato con Final touch TONIC presenta maggior intensità aromatica (agrumi), freschezza e mineralità, con meno acidità.

Experiments recently carried out with Inter-Rhône (a professional organization of winegrowers and wine merchants in the Rhône Valley in France) have confirmed Extraferm’s ability to bind to and eliminate phthalates. By adding two successive 20 g/hl dosages of Extraferm yeast hulls during the winemaking process, the phthalate content of red, white and rosé wines can be reduced by more than 50%.

In fact, phthalates are only one of the many undesirable compounds against which Extraferm has proven to be effective. The results from the research by Inter-Rhône have also demonstrated that treating wine with 40 g/hl of Extraferm, added in two dosages, is highly effective in eliminating saturated fatty acids from fermenting musts, as well as eliminating ochratoxin A and anisoles (TCA, TeCA, PCA) from wine.

Figure 1: The change in dibutyl phthalate concentration following the addition of two successive dosages of Extraferm yeast hulls.

Extraferm stands out for its high efficacy in the adsorption of wine contaminants, while retaining all the organoleptic qualities and the flavour of the treated wine. This ability is due to the exclusive HALO (High Adsorption Low Odour) process used to produce Extraferm yeast hulls. The main advantage of this unique production process is that it allows Extraferm to be highly specific in adhering to undesirable contaminants without effecting wine aroma. This makes Extraferm the best solution for eliminating undesirable compounds without adulterating the organoleptic qualities of the treated wine or introducing yeast-like odours.

Another advantage of Extraferm is ease of use. The yeast hulls disperse quickly in water by virtue of their microgranulated formulation. The hulls settle quickly at the end of the treatment, so there is no long waiting period after Extraferm is added to the must or wine. After just 24 hours of settling, wine treated with Extraferm has a turbidity of approximately 8 NTU.

This is another ADVANCED WINEMAKING SOLUTION brought to you by OENOBRANDS.

Dopo aver valutato i risultati delle prove condotte negli ultimi tre anni, possiamo affermare di aver ottenuto un guadagno sensibile in termini di qualità organolettiche, freschezza ed equilibrio, nonché un miglioramento della qualità dell'effervescenza.

Oggi i produttori di vini effervescenti desiderano poter elaborare vini che fanno la differenza nel corso della commercializzazione, soprattutto in un mercato sempre più esigente. In effetti, talvolta, durante la conservazione, il vino subisce un invecchiamento naturale che ne diminuisce le qualità organolettiche nel tempo.

Cosciente di questo bisogno, Oenobrands, in collaborazione con DSM Food Specialties - esperta nella produzione di mannoproteine - presenta in anteprima Final touch® POP, una soluzione unica a base di mannoproteine, liquide formulata specificamente per il miglioramento della qualità dei vini effervescenti.

Final touch® POP consente un allungamento della durata ottima dell'immissione del vino sul mercato grazie all'azione colloidale delle mannoproteine che lo compongono. I vantaggi sul vino sono evidenti sia a livello di qualità organolettiche, di freschezza, equilibrio ed eleganza sia di qualità dell’effervescenza.

I risultati di tre anni di prove intensive condotte in Italia mostrano chiaramente l'impatto positivo di Final touch® POP sull'’equilibrio colloidale e sull'espressione aromatica dei vini effervescenti.

Final touch® POP apporta intensità aromatica e morbidezza a partire dal momento dell'aggiunta e durante tutta la vita del vino in bottiglia; è stato constatato, infatti, che i vini trattati con Final touch® POP beneficiano di un potenziale prolungato di commercializzazione proprio in virtù di una maggiore freschezza aromatica, una preservazione della mineralità e degli aromi fermentativi così come di un'attenuazione dei composti aromatici di tipo ossidativo.

Final touch® POP si impiega immediatamente prima dell'imbottigliamento nel metodo Charmat/Martinotti e nella liqueur d’expédition nel metodo tradizionale, alla dose di 20-40 ml/hl, variabile in funzione dei benefici che si desidera ottenere e delle caratteristiche del vino stesso. Il prodotto è liquido e confezionato in contenitori da 1 e da 5 litri.

Final touch POP sarà disponibile a partire da dicembre 2014 presso il distributore esclusivo di Oenobrands, Corimpex. 

Mercoledì 19 Novembre 2014 22:18

Oenotools 3.0

Forte del suo successo nel campo delle applicazioni per smartphone e tablet, la società Oenobrands lancia una versione totalmente rinnovata di Oenotools, arricchita di ulteriori funzioni. Non fa che crescere il successo mondiale di OenotoolsTM, l’applicazione gratuita di calcolo enologico, insignita di un premio all’innovazione ed utilizzata quotidianamente da più di 10.000 enologi in oltre 60 Paesi. Oenobrands ha recentemente lanciato la versione 3.0, che mira a rendere l’applicazione Oenotools sempre più completa ed efficace.

L’applicazione permette sempre agli enologi di:

  • calcolare la quantità di prodotti da aggiungere a partire da un formulato in polvere, liquido o gassoso;
  • convertire le unità di misura in quelle comunemente usate, come ad esempio i litri in galloni o i gradi brix nella concentrazione di zuccheri, ecc.;
  • stabilire le condizioni ed il flusso dei diffusori d’azoto nella deossigenazione e decarbonatazione;
  • establish the conditions and flow of nitrogen diffusers for deoxygenation or decarbonization
  • effettuare l’aggiunta di CO2 liquida e di ghiaccio secco per il raffreddamento delle uve;
  • calcolare gli arricchimenti in zucchero o in alcol;
  • effettuare i calcoli per la correzione dell’acidità tramite acidificazione e disacidificazione.

Allo scopo di soddisfare le domande sempre più precise degli utilizzatori e di seguire l’evoluzione tecnologica nel settore degli smartphone, Oenobrands ha proseguito la sua collaborazione con la società di consulenza di Olivier Zébic ed ha sviluppato Oenotools 3.0. Questa nuova versione include una navigazione semplificata tra i diversi calcoli e funzioni ed aggiunge alle funzionalità già disponibili:

  • il calcolo del fabbisogno in frigorie ad ogni fase della vinificazione;
  • la determinazione delle portate, dei tempi necessari e delle temperature finali ottenute durante le fasi di raffreddamento;
  • la misura rapida del volume di una vasca in funzione della sua forma e dimensioni.

L’applicazione Oenotools amplia quindi la propria gamma di strumenti di calcolo rapidi e precisi, ed è disponibile in cinque lingue: italiano, inglese, spagnolo, francese e tedesco.

Lo scorso 24 giugno a Montpellier - principale città della regione Languedoc-Roussillon, nel cuore del più grande vigneto di Francia - Oenobrands ha ricevuto il premio per l'innovazione di Vincoeurs 2014 dalle mani di André Vézinhet, presidente del Consiglio Generale dell'Hérault.

L'avvenimento Vincoeurs en Hérault è l'occasione per festeggiare ogni anno la vitivinicoltura dell'Hérault evidenziando tutte le sue diversità e valorizzando gli attori d'eccellenza della filiera, prendendo in esame temi molto eterogenei quali l'enoturismo, l'audacia, l'innovazione, il rispetto dell'ambiente, la solidarietà. La quarta edizione di Vincoeurs en Hérault si è svolta sotto il patrocinio del prestigioso attore francese Pierre Arditi, grande appassionato di vini, e ha premiato otto vincitori fra i trentanove nominati.

La società Oenobrands ha ottenuto per la seconda volta il premio della categoria « Innovazione », che promuove la creatività sia nel marketing sia nel settore commerciale. Il premio è stato dato a riconoscimento del valore innovativo della tecnologia d'inoculo diretto dei lieviti In-Line Ready, sviluppata in collaborazione con la società Silverson e con l'INRA di Pech Rouge.. Più rapida, più semplice, più riproducibile dell'inoculo tradizionale con la reidratazione, In-Line Ready preserva le caratteristiche essenziali del lievito: fase di latenza breve, corretta vitalità iniziale e dominanza rapida, cinetica fermentativa regolare e qualità del vino. Questa tecnologia è già impiegata in Francia, Italia, Spagna, Germania, Nuova Zelanda, Sudafrica dalla vendemmia 2013.

« Vincoeurs » video : http://bit.ly/1yq4VdK

Rapidase® Clear Extreme è un enzima che ha sviluppato condotto in collaborazione con DSM, leader mondiale sul mercato degli enzimi per l'industria alimentare e primo attore sul mercato degli enzimi per l'enologia, permette oggi ad Oenobrands di proporre una nuova enzima dedicata a specifiche applicazioni enologiche: Rapidase® Clear Extreme; dopo una validazione su due campagne di test svolte nei due emisferi.

Initiata nel 2013 dopo la convalida durante due annate di probe negli emisferi settentrionali e meridionali, Rapidase® Clear Extreme ha dimostrato la sua efficacia in caso di difficili chiarifiche dovute a una bassissima temperatura (fino a 6°C).

Rapidase Clear Extreme: enzima criofilo attivo su un ampio spettro di pectine

Le chiarifiche di alcuni mosti bianchi possono essere problematiche visti i parametri chimico-fisici dell’uva, poiché le temperature sono comprese tra 6 e 10°C o perché i vitigni con scarsa maturità sono naturalmente molto ricchi in pectine complesse. Questi casi comportano una limitata efficacia delle pectinasi commerciali abituali inoltre l’esito della chiarifica era insufficiente, considerato che erano molto lente e a volte impossibili.

Queste due nuove formulazioni enzimatiche si iscrivono nei 4 valori riconosciuti dagli utilizzatori del marchio Rapidase - rapidità, semplicità (efficacia mirata), affidabilità, prova e convalida.

Rapidase Clear Extreme con le sue pectinasi criofile, attive su una più vasta gamma di pectine, è stato aggiunto su mosto di sgrondo o appena dopo la pressatura per ottenere una semplice ed efficace soluzione a tutti questi casi. Su richiesta, Oenobrands fornirà i risultati delle prove complementari e propone una valutazione delle prestazioni di questi prodotti in funzione delle specifiche condizioni di ogni cantina.

Rapidase® Clear Extreme, con Il dosaggio da utilizzare varia a seconda dei parametri tecnologici - tra 1 e 4 ml/100 kg - è stato inizialmente venduto in vasetti da 100 grammi per la versione granulare e in fusti da 5 kg per la versione liquida. Dal vendemmia 2014, questo enzima sarà anche disponibile in fusti da 1 litro.

La nuova gamma Rapidase sarà presto integralmente consultabile su www.oenobrands.com. Per ulteriori informazioni, si prega di contattare Oenobrands a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. .

Certi studi realizzati indicano che il batterio Anchor Co-Inoculant ha una elevata compatibilità con i lieviti da vino e che, in combinazione con la micro-ossigenazione, consente di migliorare più velocemente la qualità del vino rispetto alla micro-ossigenazione utilizzata da sola. Città del Capo, Africa del Sud. Secondo i risultati di studi recenti il batterio Anchor Co-Inoculant (in precedenza venduto sotto il nome di batterio Anchor NT 202 Co-Inoculant), una cultura starter mista di batteri malolattici (O. oeni x L. plantarum), non è soltanto compatibile con il lievito Anchor NT 202. Infatti, è anche compatibile con numerosi altri ceppi di lieviti commerciali Oenobrands, quali Anchor Exotics SPH, Anchor NT 50, Anchor NT 116, Anchor WE 372, Anchor NT 112, Collection Cépage® Pinot, Collection Cépage® Cabernet, Collection Cépage® Merlot, Fermivin®, Fermirouge®, Fermicru® VR5 o ancora Fermicru® XL.

Gli studi realizzati si sono anche interessati all’associazione del batterio Anchor Co-Inoculant con la micro-ossigenazione (MOx) e agli effetti indotti sulla qualità del vino. I risultati di questi studi hanno mostrato che i vini co-inoculati con il batterio Anchor Co-Inoculant e sottoposti alla MOx realizzavano le fermentazioni alcolica e malolattica in solo 12 giorni, rispetto ai 42 giorni necessari per l'inoculo sequenziale combinato alla MOx senza il batterio Anchor Co-Inoculant. Inoltre, i vini co-inoculati presentavano anche un colore molto più intenso.

Durante un test comparativo, il vino prodotto con il batterio Anchor Co-Inoculant e la MOx è stato approvato dall’ 80% del panel di assaggiatori. Questo vino è stato descritto come meno erbaceo, meno lattico, meno astringente e meno amaro rispetto agli altri. I suoi aromi sono stati giudicati più fruttati e intensi, e le sue caratteristiche gustative più piacevoli.

Associare il batterio Anchor Co-Inoculant alla MOx consente agli enologi di ottimizzare le caratteristiche organolettiche dei propri vini, di aumentarne l'intensità colorante e di migliorarne la rotondità e la qualità generale durante il processo di fermentazione malolattica. Inoltre, poiché questa coltura mista è stata concepita specificatamente per il co-inoculo, tutti questi benefici possono essere ottenuti più velocemente rispetto ad un processo di fermentazione sequenziale.

<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 Succ. > Fine >>
Pagina 2 di 4